Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

9 maggio 2014

Arrestato il killer della donna romena crocifissa

Il luogo dove è stato trovato il cadavere di Andreea Cristina ZamfirE’ un idraulico fiorentino di 55 anni l’uomo fermato come presunto maniaco seriale responsabile delle sevizie e della morte della donna trovata “crocifissa” alle porte di Firenze. E’ stato arrestato nella sua casa, alla periferia nord della città. Al momento dell’arresto ha detto: “Sono finito. Ormai non mi salva nessuno”.

In casa, dove vive con la moglie e il figlio di lei ed è vicina a quella dei genitori, è stato trovato lo scotch usato per legare le donne, con il timbro del Careggi, presso cui lavora la moglie. A mettere gli investigatori sulle sue tracce le descrizioni date dalle prostitute violentate in precedenza e le telecamere che hanno ripreso la sua auto caricare a bordo la vittima Andreea Cristina Zamfir. La giovane romena era stata trovata morta legata a un guardrail a Ugnano, con modalità simili ad altri tre casi denunciati da prostitute che si erano salvate. Dalla saliva sul nastro adesivo usato per bloccare loro e la giovane uccisa si sarebbe arrivati al DNA dell’omicida. In corso esami di comparazione. Il primo caso di prostituta “legata” risale al 2006. Da allora sono almeno sei i casi analoghi accaduti tra Firenze e Prato.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata