Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

29 aprile 2015

Bankitalia: 1,4 punti in più di PIL da QE

Una donna cerca casaDal Quantitative Easing può arrivare un contributo alla crescita del PIL italiano pari a 0,5 punti percentuali nel 2015 e di quasi 1,4 punti percentuali complessivi nel biennio 2015-2016. E’ quello che sostiene la Banca d’Italia in un rapporto pubblicato oggi(29 aprile).

Il programma di acquisto di titoli varato dalla Banca Centrale Europea ha fatto deprezzato l’euro: dall’inizio del 2015 ad oggi la moneta unica ha perso 0,10 punti sul dollaro. Bankitalia scrive: “Il calo dell’euro si rifletterebbe in particolare sulle esportazioni, che nel biennio aumenterebbero cumulativamente di quasi 4 punti percentuali. L’inflazione dovrebbe salire di 1,2 punti percentuali nel 2015-2016”. Peccato che il problema principale dell’Italia sia la mancata ripresa dei consumi interni che provoca tanti problemi nella grande distribuzione organizzata e non solo. Nei giorni scorsi Auchan ha annunciato 1.460 licenziamenti mentre Mediaworld ha comunicato la chiusura di 7 punti vendita. Per la cronaca, il Codacons ha rilevato che i consumi sono calati di 80 miliardi di euro dal 2007 al 2014. Ma di cosa parliamo? Per il momento il Quantitative Easing della BCE sta favorendo solo la Germania.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata