Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

2 giugno 2015

PD perde oltre 2 milioni di voti e Renzi scappa in Afghanistan

Matteo RenziLe Regionali 2015 consegnano una nuova fotografia dell’Italia politica. A livello nazionale ha votato appena un elettore su due, per l’esattezza 53,9%. Chi ha vinto? Il Partito Democratico si conferma il primo partito, ma è ben lontano dal 40,16% ottenuto alle Europee 2014.

L’Istituto Carlo Cattaneo di Bologna ha effettuato alcune elaborazioni dei risultati, nelle 7 regioni chiamate alle urne. Il PD ha perso 2.143.003 di voti rispetto al 2014, ossia alle elezioni più vicine nel tempo, ma la riduzione è significativa anche rispetto alle Politiche 2013(-1.083.557). In termini percentuali questo spostamento in valori assoluti si traduce in una contrazione del 50,2% rispetto alle scorse elezioni europee e del 33,8% rispetto alle consultazioni politiche del 2013. Ieri(1 giugno), a “Piazza Pulita”, la pidina Simona Malafè(ops Bonafè) ha giustificato la débâcle dicendo che non si possono paragonare le elezioni regionali con le europee. Una baggianata Matteo Renzi fa un selfie con i militarigrande quanto una casa. La verità è che questa volta non c’erano in ballo i famosi 80 euro che hanno portato tanti voti al PD l’anno scorso.

Il premier Matteo Renzi ha cacciato dal cilindro il jolly anche in questa campagna elettorale, ma il bonus di 500 euro non ha convinto i pensionati. Come mai? Quello non era un “regalo” come gli 80 euro ma una vera e propria fregatura. Il motivo? Con il blocco dell’indicizzazione delle pensioni superiori a 3 volte il minimo dal 2012 a oggi a ciascun pensionato spetterebbero almeno 3.000 euro per un totale di 18 miliardi di euro, non i 500 euro promessi dal premier gelataio. Al momento non c’è stata ancora nessuna dichiarazione del premier sul risultato delle elezioni regionali. Anzi, Renzi è scappato in Afghanistan per fare i selfie(foto) con i militari. Un idiota formato premier.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata