Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

26 febbraio 2016

De Magistris: Saviano? Fiancheggia chi fa male città

Roberto Saviano e Luigi De Magistris“Quello che accade a Napoli e in Campania è esemplare, basta osservare l’offerta politica, l’assenza di un autentico rinnovamento, proprio quando si decide il destino di una capitale del Mezzogiorno sempre più povera, e più preda del crimine”. Questo è quello che ha detto Roberto Saviano a pochi mesi dalle elezioni comunali.

Lo scrittore di “Gomorra” ha attaccato anche su Luigi De Magistris: “Il sindaco aveva una missione e l’ha fallita. A fine mandato non è importante isolare cosa va salvato e cosa no, ma quale città si è ereditata e quale città si lascia. L’evoluzione delle organizzazioni criminali a Napoli non ha vita propria, ma si innesta nel tessuto cittadino e in quello politico e imprenditoriale. Se fino a qualche anno fa era quasi solo la periferia a essere dilaniata da continui agguati di camorra, ora si spara in pieno centro. E si spara per le piazze di spaccio. Non una parola sulla genesi di agguati e ferimenti. Non una parola sul mercato della droga che in città muove capitali immensi”. Non si è fatta attendere la replica del sindaco di Napoli. De Magistris ha dichiarato: “Chi dice che Napoli è uguale e che non è cambiato nulla è un fiancheggiatore involontario di chi fa il male della città”.

Non contento, l’ex magistrato ha aggiunto: “Sono una risposta non solo a Saviano, ma anche a tutti coloro che avrebbero gli strumenti intellettuali per capire che qui si sta facendo una rivoluzione. Napoli bisogna conoscerla, non basta aver fatto nella propria vita una testimonianza di anticamorra”. Come stanno le cose? Io a Napoli ci vivo e ho notato un peggioramento negli ultimi anni.  De Magistris non è più credibile. In cinque anni ha distrutto il trasporto pubblico locale e non ha risolto il problema rifiuti. La promessa elettorale del 70% di raccolta differenza è rimasta un sogno. Siamo solo al 28%(dato aggiornato ad aprile 2015), distante 42 punti percentuali dal 70% promesso. Non bastasse ciò, la manutenzione delle strade e dei parchi pubblici è diventata un evento. Una persona “normale” avrebbe tolto il disturbo al termine del mandato. De Magistris invece si ricandida come se nulla fosse. Non può essere credibile uno che propone i graffiti sui muri per sconfiggere il degrado.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata