Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

25 giugno 2016

La falsa storia dei giovani pro UE

Giovani britanniciLa vittoria del Brexit sta facendo ancora discutere. In particolare in Italia, dove i giornalai(ops giornalisti) filo europeisti scrivono e dicono di tutto pur di non ammettere la clamorosa sconfitta dell’Unione Europea. Qualche “illustre” opinionista televisivo ha deriso i cittadini delle periferie, anziani e contadini, ovvero coloro che avrebbero votato “Leave”.

Qualche altra “mente geniale” ha proposto addirittura l’abolizione della suffragio universale, ovvero il perno della democrazia. Un altro giornalista ha scritto: “L’anti-europeista britannico tipo ha più di 34 anni, ha basso grado d’istruzione e vive lontano dalle grandi città”. Come fa a saperlo non si sa. Ormai è chiaro che tutti si sono uniti per delegittimare il risultato del referendum. I media italiani, inoltre, hanno usato il Brexit per scatenare una guerra generazionale. Gli “illustri” opinionisti hanno fatto passare la storia che i giovani britannici siano a favore dell’Unione Europea. E’ vera questa storia? No. Basta leggere i dati in modo completo e non parziale. La più alta percentuale(64%) per il Remain si è registrata tra i 18-24 anni, mentre quella per il Leave tra gli over 65. Peccato che i giornalai(ops giornalisti) si sono dimenticati di menzionare la percentuale di non votanti per categoria. Tra gli elettori nella fascia 18-24 ha votato solo il 36%, tra quelli sopra i 65 anni ha votato l’83%. Il dato fa capire che alla maggioranza dei giovani britannici non frega un tubo dell’Unione Europea. I media italiani smetteranno di divulgare la falsa storia dei giovani britannici pro UE? Chi vivrà vedrà. Intanto si parla di un referendum contro il Brexit, roba da trattamento sanitario obbligatorio.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata