Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

12 settembre 2016

Renzi contestato a Napoli. Ferita una consigliera comunale

Scontri prima dell'arrivo di Renzi al San CarloLa visita di Matteo Renzi a Napoli ha creato il solito caos in città. Ci sono stati degli scontri tra le forze dell’ordine e un gruppo di persone in Galleria Umberto e via Chiaia. Alla testa dei manifestanti il consigliere comunale Eleonora De Majo, esponente del centro sociale Insurgencia che è stata colpita da una manganellata.

La contestazione a Napoli arriva dopo quella di Catania. Renzi non diceva che la sua scorta è la gente? La verità è che questo tizio si ritrova premier con i voti di Bersani. Il premier fuffatore è detestato da insegnanti, disoccupati, lavoratori licenziati e alcuni pensionati. Alla fine non ci sarà nessun incontro tra il premier Renzi e Luigi De Magistris. Il vertice è stato rifiutato dal sindaco di Napoli. L’ex magistrato ha dichiarato: “Non si comprendono le ragioni per le quali un incontro istituzionale più volte richiesto debba necessariamente avvenire, a pochi minuti dal concerto, alla presenza irrinunciabile del commissario su Bagnoli”. Il premier Renzi è venuto nel capoluogo campano per assistere al galà con Jonas Kaufmann al Teatro San Carlo. Niente visita nella Terra dei Fuochi, dove è in atto un genocidio tra l’indifferenza generale. E meno male che aveva detto che si sarebbe interessato al problema.

Cariche a Napoli: parla Eleonora de Majo

Le parole di Eleonora, attivista del Laboratorio Insurgencia colpita da una violentissima cascata al volto. Noi non abbiamo paura. Il paese reale non ha paura di smascherare il governo Renzi e le sue passerelle. Possono provarci in tutti i modi, possono chiudere le strade con l'esercito, la polizia, i blindati. Ma la rabbia di chi vuole una società più giusta andrà a bussare sempre alle loro porte. Abbiamo appena cominciato! NAPOLI LIBERA

Pubblicato da Insurgencia su Lunedì 12 settembre 2016

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata