Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

14 novembre 2016

Italia torna in deflazione ad ottobre

Italia torna in deflazione ad ottobreAd ottobre l’Italia torna in deflazione con un calo dei prezzi dello 0,2% su base annua. Lo comunica l’Istat che ha rivisto le stime preliminari di una riduzione tendenziale dello 0,1%. Anche su base mensile, c’è stata una riduzione dell’indice nazionale dei prezzi al consumo dello 0,1%.

L’istituto di statistica osserva che i dai mostrano “nuovamente tendenze deflazionistiche dopo la ripresa(+0,1%) di settembre”. La flessione tendenziale dell’indice generale continua a essere determinata dai beni energetici il cui calo si accentua lievemente(-3,6% dal -3,4% di settembre) per effetto di una più intensa flessione dei prezzi di quelli regolamentati(-6,0%, era -3,8% a settembre) e di un parziale rientro della contrazione dei beni energetici non regolamentati(-0,9%, da -2,7% del mese precedente). Il carrello della spesa segna un rialzo dello 0,1% a ottobre su settembre, mentre scende dello 0,2% su base annua. L’inflazione acquisita per il 2016 risulta pari a -0,1%(lo stesso valore registrato a settembre). Nel 2015 la Banca Centrale Europea ha lanciato il Quantitative easing per riportare l’inflazione vicino al 2%, ma fino a questo momento il programma non ha avuto nessun effetto. Gli economisti sostengono che la deflazione è un pericolo per l’Unione Europea. Il motivo? Si crea una spirale negativa per la quale si rinviano gli acquisti in vista di sconti maggiori, con effetto deprimente per l’intera economia, per i bilanci delle aziende venditrici e la crescita del PIL.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata