Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

21 febbraio 2017

Lo strano caso del masso di Aquara

Il masso di AquaraIl masso di Aquara è diventato il simbolo della burocrazia italiana. E’ dal 18 agosto del 2015 che se ne sta lì, placido ed immobile, in attesa che qualcuno lo levi. Sono passati 556 giorni e molto probabilmente i cittadini festeggeranno anche il secondo compleanno.

I servizi video girati ad Aquara hanno posto l’attenzione non solo sul masso in strada, ma anche e soprattutto sul fatto che le auto continuino a transitare nonostante la strada provinciale 12 sia interdetta al traffico per la pericolosità della parete stessa. Perché nessuno interviene? Nessuno sposta il masso perché non si capisce di chi debbano essere le competenze tra i vari enti. Le ruspe del Comune non posso intervenire perché la strada non è di competenza comunale. A sua volta la Provincia non ha fatto nulla perché c’è un costone a rischio crollo che va messo in sicurezza. Le competenze in questo caso sono della Regione Campania, ma il mitico governatore Vincenzo De Luca non ha ancora stanziato i fondi. Un rompicapo che farebbe innervosire anche i più pacifici, figuriamoci i cittadini tartassati e isolati di quella zona. Passeranno altri mesi prima della rimozione del masso. C’è da attendere, infatti, lo studio geologico(costo 37 mila euro), poi si passerà alla progettazione per l’intervento sul costone e poi il bando per la gara d’appalto. Il “caso” del masso di Aquara è finito anche a “L’Arena”, il programma di Rai 1 condotto da Massimo Giletti. In studio era presente anche il presidente della provincia di Salerno, Giuseppe Canfora, il quale ha asserito che tra 9 mesi i lavori avranno inizio. C’è il rischio che il masso di Aquara festeggi anche il terzo compleanno.

Il masso che nessuno toglie sulla strada provinciale 12 nel comune di Aquara

Pubblicato da Maxso Magazine su Sabato 18 febbraio 2017

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata