Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

9 marzo 2017

Crolla cavalcavia su A14. Chi sono i responsabili?

PonteA14L’Italia è quel paese dove passare sotto un cavalcavia può costarti la vita. Lo scorso ottobre un cavalcavia crollò sulla Superstrada 36 ad Annone Brianza. Dopo quasi cinque mesi dobbiamo raccontare l’ennesima tragedia. Ha ceduto una struttura provvisoria, posta a sostegno del cavalcavia dell’autostrada A14 all’altezza di Camerano, tra Ancona Sud e Loreto. Chiuso in entrambe le direzioni il tratto interessato dal crollo.

La struttura era stata posizionata nell’ambito dei lavori di ampliamento a tre corsie. Il cavalcavia era chiuso al traffico. Due morti e tre feriti: questo il bilancio del crollo avvenuto alle 13:30 sull’autostrada A14 all’altezza di Camerano. Le due persone rimaste uccise sono Emidio Diomedi, 60 anni e la moglie Antonella Viviani, 54. Erano sposati da 36 anni e vivevano a Spinetoli, in provincia di Ascoli Piceno. Il prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto, ha convocato il Comitato viabilità per individuare una soluzione alternativa alla viabilità. Il ministro Graziano Delrio invierà ispettori sul posto. “Gli operai stavano sollevando la campata del ponte con dei martinetti, quando la struttura ha ceduto: evidentemente qualcosa è andato storto”. Questo è quello che ha dichiarato Roberto Ascani, sindaco di Castelfidardo(Ancona). Questa ennesima tragedia non è dovuta al fato. Il sollevamento del cavalcavia è stato fatto senza chiudere l’autostrada A14. Trovo questa cosa inconcepibile per un Paese che si definisce civile. Con il crollo del cavalcavia sulla A14 nelle Marche siamo a due crolli con morti nel giro di pochi mesi. Vi sembra normale?

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata