Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

5 maggio 2017

Partito Democratico delega sicurezza ai cittadini

Legittima difesaLa Camera dei deputati ha approvato in prima lettura, il 4 maggio 2017, una proposta di legge diretta a regolamentare le ipotesi in cui è riconosciuta la legittima difesa domiciliare. Il provvedimento passa all’esame del Senato. Bagarre in Aula prima e subito dopo il voto. I deputati della Lega e di Fratelli d’Italia hanno esposto cartelli, poi rimossi, con la scritta: “La difesa è sempre legittima”. Contrari al DDL anche Forza Italia e Movimento 5 Stelle.

Si contesta l’emendamento del Partito Democratico che considera legittima la reazione all’aggressione avvenuta di notte in casa. Che vuol dire di notte? Cosa si deve fare se un malintenzionato entra in casa di giorno? Sono norme scritte con i piedi. Quelli del PD considerano la legittima difesa a luce alterne. La distinzione tra notte e giorno è bizzarra, ma esiste anche in Francia. Forse i renziani avranno copiato come fanno di solito. In Francia è l’articolo 122-5 del codice penale a regolamentare la legittima difesa. Matteo Renzi, che domenica sarà formalmente riconfermato segretario del PD dopo la vittoria alle primarie del 30 aprile, ha già fatto sapere di volere ritocchi al testo. “Inviterò i senatori a valutare di correggere la legge nella parte in cui risulta meno chiara e logica, visto che io per primo ho avuto e ho molti dubbi”. Questo è quella che ha scritto sulla app l’ex premier.

“Con la legge sulla legittima difesa approvata oggi il Partito Democratico ha deciso definitivamente di essere un partito della peggior destra che fa leva su istinto, ignoranza e luoghi comuni”. Questo è quello che ha scritto Roberto Saviano su Facebook. La questione non è l’inciampo della legittima difesa sulla congiunzione, ma il fatto che il governo sta delegando la sicurezza ai cittadini. Questa cosa lascia una tale discrezionalità da rendere pericolosissima questa legge, oltre al fatto che spianerà la strada definitivamente al commercio delle armi in Italia. Lo scorso anno i furti in casa sono stati circa 300 in meno rispetto al 2015. E’ uno dei dati che emerge dalle statistiche del Servizio analisi criminale della polizia. La sicurezza si ottiene con politiche sociali, con l’aumento dei controlli e un “serio” piano carceri. I delinquenti devono stare in galera, non in “libera uscita” a causa del sovraffollamento dei penitenziari.

Allegato: DDL legittima difesa

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata