Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

6 giugno 2017

Inaugurata la stazione dell’Alta Velocità di Afragola

Veduta dall'alto della Stazione dell'Alta Velocità di AfragolaIl Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha inaugurato la nuova stazione dell’Alta Velocità di Afragola, in provincia di Napoli. L’opera è stata progettata dall’architetto Zaha Hadid, deceduta nel 2016. La nuova stazione sarà operativa commercialmente nella sua prima fase l’11 giugno 2017 e accoglierà ogni giorno 36 treni alta velocità. L’opera è costata 60 milioni di euro, ma ci vorranno altri soldi per completarla.

Il premier è arrivato nel nuovo scalo a bordo di un Frecciarossa 1000, insieme al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, al Presidente e all’AD di Ferrovie dello Stato Italiane, Gioia Ghezzi e Renato Mazzoncini. Ad accoglierlo nella nuova stazione c’erano il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il Sindaco di Afragola Domenico Tuccillo, con Claudia Cattani e Maurizio Gentile, Presidente e AD Rete Ferroviaria Italiana, Riccardo Maria Monti e Carlo Carganico, Presidente e AD Italferr. Gentiloni ha dichiarato: “Con questa inaugurazione diamo il messaggio di un Paese che rialza la testa. Un grande paese ha bisogno di grandi opere ed è orgoglioso delle sue grandi opere quando nascono e vengono inaugurate. Lo Stato sarà presente qui in forze e garantirà la sicurezza del territorio”. La stazione dell’Alta Velocità di Afragola accoglierà ogni giorno 18 coppie di treni alta velocità che collegheranno il nuovo scalo con tutte le principali città della Stazione dell'Alta Velocità di Afragoladorsale Torino-Salerno, oltre che con Venezia e Reggio Calabria.

La nuova stazione integrerà i collegamenti da Napoli Centrale: 32 treni su 36 fermeranno in entrambe le stazioni. Ci vorranno solo 55 minuti per raggiungere Roma Termini, mentre resteranno invariati i tempi di viaggio tra la stazione Centrale e la Capitale(70 minuti). Il progetto della stazione è stato presentato ufficialmente il 4 novembre 2003. 40.000 metri quadrati distribuiti su quattro livelli, 5 mila metri di vetrate, vuoti da vertigine e spazi in abbondanza per uffici e servizi. I lavori dovevano terminare nel 2008. Dopo vari stop per mancanza di fondi, il cantiere è ripartito nell’estate 2015. La stazione dell’Alta Velocità di Afragola è una cattedrale nel deserto. Non è stato fatto nulla per garantire il collegamento tra la nuova stazione e quella ormai storica di Napoli Centrale. Ad Afragola non arriva la metropolitana e la Circumvesuviana, ci sono solo progetti più o meno vaghi e finanziamenti tutti ancora da confermare. Ad oggi non è previsto neanche un servizio alternativo su gomma. Alla stazione di Afragola si potrà arrivare solo in taxi o in automobile.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata