Ricerca personalizzata

Archivio

5 luglio 2016

Niente referendum sull’Italicum

Referendum contro ItalicumIl referendum sull’Italicum non si farà perché non sono state raccolte le 500 mila firme necessarie. La raccolta si è fermata a 418.239 per il premio di maggioranza e 422.555 mila firme per i capilista bloccati.

Con l’Italicum 2/3 dei futuri deputati sono nominati dai vertici di partito. Norme ancora più gravi alla luce delle modifiche costituzionali che affidano alla sola Camera dei deputati il rapporto di fiducia con il governo e tolgono al Senato la natura di assemblea elettiva. Per il comitato promotore tuttavia l’iniziativa contro l’Italicum andrà avanti con un giudizio alla Corte Costituzionale in calendario il 4 ottobre 2016. I comitati per il No al referendum di ottobre si vedranno a breve per la campagna elettorale e per il finanziamento delle iniziative. Il cosiddetto Italicum è stato approvato il 6 maggio 2015 e regolerà le prossime elezioni dei parlamentari della Camera. E’ un sistema proporzionale a doppio turno a correzione maggioritaria che prevede un premio di maggioranza, una soglia di sbarramento e 100 collegi plurinominali con i capilista bloccati.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata