Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

19 luglio 2016

Orsini: Sbatteremo fuori gli immigrati

Alessandro OrsiniL’emergenza migranti continua ad essere un problema non risolto. I perbenisti ipocriti raccontano la storiella che accogliamo questi “poveracci” per ragioni umanitarie, ma è una balla colossale. Facciamo venire i migranti perché sono un affare economico per “amici degli amici” e imprenditori senza scrupoli.

Una cosa del genere l’ha detta anche Alessandro Orsini, docente di Sociologia del terrorismo alla LUISS. “Accogliamo gli immigrati perché sono stati un grande affare economico e non gli accoglieremo più quando non sarà più economicamente conveniente”. Questo è quello che ha dichiarato Orsini durante la diretta di “Agorà”, il programma di Rai 3 condotto da Serena Bortone. Il sociologo ha aggiunto: “Lo stipendio medio di un lavoratore immigrato è di 950 euro al mese contro i 1.250 euro di un italiano”. Capito? L’immigrato serve per abbassare il costo del lavoro e tenere in piedi aziende superate. Poi ci Serena Bortonesorprendiamo se i consumi non ripartono e l’economia reale affonda.

Orsini ha lanciato un allarme: “Ci stiamo avvicinando a quello che si chiama break even, ovvero ad un punto in cui l’immigrazione non conviene più. Noi sbatteremo fuori gli immigrati, senza tanti complimenti, quando spenderemo più di quello che guadagniamo”. Capito? Altro che ragioni umanitarie, molti considerano i migranti un “prodotto”. Il sociologo ha aggiunto: “L’immigrazione ha portato ad una crescita spaventosa di quattro tipi di delitti: stupri, rapine, furti e sfruttamento della prostituzione”. Sarà un caso, ma pochi secondi dopo questa frase è intervenuta la “mitica” conduttrice Bortone(foto). A proposito, una domanda sorge spontanea: perché i migranti sono tutti uomini?

Il sociologo Alessandro Orsini parla dei migranti

Pubblicato da Maxso Magazine su Martedì 19 luglio 2016

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata