Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

30 ottobre 2016

A Norcia la più forte scossa degli ultimi 36 anni

La basilica di San BenedettoAlle 7.40 un forte terremoto ha colpito nuovamente il Centro Italia. In un primo momento le agenzie di stampa hanno riportato la magnitudo 7.1. Dopo circa 27 minuti l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia(Ingv) ha scritto un tweet indicando la magnitudo 6.1, ricalcolata in 6.5 alle 8.40.

L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Norcia(PG), Castelsantangelo sul Nera(MC), Preci(PG) e Visso(MC). L’ipocentro è stato localizzato a 9 km di profondità. La scossa è stata avvertita anche a Firenze, Roma, Napoli e nei comuni già colpiti dal terremoto del 24 agosto 2016. Il terremoto è stato avvertito anche in Veneto, Trentino, Puglia e Emilia Romagna. Per ritrovare un terremoto di magnitudo di 6.5, bisogna andare al 1980, quando una scossa di identica magnitudo devastò i comuni tra il Vulture e l’Irpinia causando oltre 2.900 vittime. Il terremoto di oggi ha un’intensità tale da interessare una zona che si estende per almeno 20-25 chilometri. La fortissima scossa di  terremoto ha causato nuovi crolli e lesioni anche nei territori colpiti dal sisma del 24 agosto e del 26 ottobre. A Norcia è crollata la Basilica di San Benedetto.

Dopo l’evento di questa mattina di magnitudo 6.5, sono stati localizzati decine di altri eventi sismici nella zona al confine tra Marche e Umbria. Alle ore 10:00 risultano circa 50 eventi di magnitudo maggiore di 3.0. Il sisma ha avuto una nuova forte replica alle 13.07, di magnitudo 4.6 con epicentro tra Preci e Norcia. Il sismologo Alessandro Amato dell’Ingv ha dichiarato: “Un’area ampia localizzata tra quella del sisma del 24 agosto e quella del 26 ottobre. Il sisma avvenuto vicino a Norcia, d’intensità maggiore del 24 agosto, non è un’anomalia non c’è una norma, sappiamo che in passato sono avvenute cose simili”. Due giorni fa(28 ottobre), il presidente dell’Ingv Carlo Doglioni aveva lanciato l’allarme su possibili nuovi sismi nel Centro Italia. L’evento fa parte della sequenza sismica iniziata il 24 agosto. Amato ha detto: “Di certo c’è continuità tra il sisma di agosto, quello del 26 ottobre e quello di stamane”.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata