Ricerca personalizzata

Archivio

5 giugno 2014

La Giornata mondiale dell’Ambiente 2014

Giornata mondiale dell'AmbienteOggi(5 giugno) è la Giornata mondiale dell’Ambiente, una festività proclamata nel 1972 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Ogni edizione ha un tema come filo conduttore che lega tutte le iniziative mondiali che si svolgono in onore dell’Ambiente. L’edizione 2014 è stata intitolata “Raise Your Voice Not The Sea Level”, ovvero “Alza la voce non il livello del mare”.

Il nuovo record negativo del superamento delle 400 parti per milione di CO2 in atmosfera, rilevato ad aprile dall’istituto Noaa, è l’ombra più cupa che incombe sulla Giornata mondiale dell’Ambiente 2014. Il dato indica che non è ancora l’anno dell’inversione di tendenza, mentre la questione climatica resta l’emergenza, con l’estremizzazione dei fenomeni meteorologici. Sul banco degli imputati, l’uso di fonti fossili. Notizie positive solo su scala locale. In Italia, alcune scelte per l’ambiente, come la raccolta differenziata, hanno successo. Il WWF denuncia che in 50 anni si è perso un quinto della superficie della foresta Amazzonica.

La foresta tropicale più grande e ricca di biodiversità del pianeta è minacciata dalla coltivazione della soia,  utilizzata come mangime animale per circa tre quarti. Solo il 6% della soia prodotta al mondo è destinata direttamente al consumo umano. Secondo il WWF è in atto uno scontro tra fame e obesità, miseria e abbondanza, produzione e consumo. Eva Alessi, responsabile sostenibilità WWF Italia, ha dichiarato: “Oggi secondo la FAO la produzione agricola mondiale attuale potrebbe nutrire 12 miliardi di esseri umani, quasi il doppio di quelli attualmente presenti sul pianeta e il cibo che viene sprecato potrebbe alleviare la fame delle popolazioni malnutrite del pianeta e ridurre gli inutili impatti ambientali che la sua produzione e smaltimento determinano”.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata