Ricerca personalizzata

Archivio

13 ottobre 2014

Corte dei Conti: Non incassati 70 miliardi di tasse e multe

Multe non riscosseL’Italia è il Paese della cuccagna. Non si trovano risorse per mettere in sicurezza il territorio ma in compenso si buttano soldi per la gestione dei clandestini. Non bastasse ciò, lo Stato ha un tesoro da 70 miliardi di euro. Ma questo denaro è solo virtuale. Il motivo? Sono tasse e multe non incassate. Lo denuncia la Corte dei Conti.

Per i Comuni sono 33 miliardi di euro, per le Provincie ordinarie sono 7 miliardi, mentre per le Regioni e le Provincie autonome il valore resta indeterminato, ma è sicuramente superiore a quota 29,8 miliardi. Sono i cosiddetti “residui attivi”, vale a dire soldi che Regioni, Province e Comuni mettono all’attivo nei bilanci come somma da riscuotere, ma si tratta di soldi che non arriveranno mai. Dietro ai “residui attivi” c’è un buco potenziale nei conti pubblici ben superiore ai 7 miliardi di euro. Roma, per esempio, ha un arretrato di multe non riscosse che supera i 600 milioni di euro, di questi nel 2012 ne sono stati recuperati solo 31 milioni, cioè il 5%. Ora, con le recenti leggi, molti “residui attivi” andranno cancellati e faranno emergere un deficit. La “pulizia in arrivo” farà partire una spending review in sordina molto più profonda di quella della Legge di Stabilità.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata