Ricerca personalizzata

Archivio

21 novembre 2014

Renzi: “Ho creato 150 mila posti di lavoro”. E’ vero?

Matteo Renzi“In tre anni abbiamo perso 937 mila posti di lavoro. In sei mesi ne abbiamo recuperati 150 mila”. Questo è quello che ha detto ieri(20 novembre) Matteo Renzi durante l’intervento del nell’Aula Consiliare del Comune di Parma. E’ vero che ha creato 150 mila posti di lavoro? Per rispondere basta leggere i dati dell’Istat.

A marzo 2014 gli occupati erano 22.356 mila, in aumento dello 0,3% rispetto al mese precedente(+73 mila). A settembre 2014(ultimo dato disponibile) le persone con un contratto erano 22.457 mila, in aumento dello 0,4% rispetto al mese precedente(+82 mila). Da questi dati emerge che i “presunti” posti di lavoro in più sono 101 mila, non 150 mila come sostiene Renzi. Perché presunti? L’Istat considera lavoro anche i contratti di un giorno. Da marzo a settembre la disoccupazione è calata di 0,1 punti percentuali, passando dallo 12,7% al 12,6%. Il numero di disoccupati è calato di 12 mila unità.

Dove sono stati recuperati i restanti 89 mila posti di lavoro? Per rispondere a questa domanda bisogna leggere un altro dato. Il tasso di inattività è passato dal 36,2% di marzo al 35,9% di settembre. Sapete cosa significa? Nel periodo preso in esame sono stati regolarizzati molti finti disoccupati, ovvero persone che lavorano ma che non hanno un contratto regolare. E i giovani? Il tasso di disoccupazione dei 15-Stefano Rodotà24enni è aumentato di 0,2 punti percentuali, passando dal 42,7% di marzo al 42,9% di settembre.

Basta con questi annunci plagia popolo. Una domanda sorge spontanea: che tipo di lavoro ha creato Renzi? La stessa domanda l’ha fatta Stefano Rodotà ad “Otto e Mezzo”. Il giurista ha detto: “Renzi dice di aver creato posti di lavoro. La domanda è: come si creano nuovi posti di lavoro? Ci possono essere creazione di posti di lavoro che non sono rispettosi di quelli che sono i diritti e la dignità dei lavoratori. Questo è il nodo e la discussione in corso. Stiamo accantonando tutto lo Statuto dei Lavoratori”. Qualcuno potrebbe sostenere che anche la camorra crea lavoro.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata