Ricerca personalizzata

Archivio

1 dicembre 2014

Ravenna è la città dove si vive meglio. Napoli resta in fondo, ma il sindaco esulta

RavennaRavenna è la città dove si vive meglio, mentre Napoli guadagna 11 posizioni rispetto al 2013. Lo stabilisce la 25esima edizione della ricerca annuale de “Il Sole 24 Ore” dedicata alla “Qualità della vita nelle province italiane”. La vincitrice 2013, Trento, retrocede al secondo posto. La ricerca, svolta sulle 107 province, si articola su sei settori, costruiti a loro volta su sei indicatori, che danno luogo a sei graduatorie di tappa e dunque alla classifica finale.

Ravenna scalza Trento soprattutto grazie agli alti voti ottenuti in materia di “Servizi, ambiente e salute”: la disponibilità di asili rispetto alla potenziale utenza è il doppio della media, il tasso di emigrazione ospedaliera non raggiunge il 3%(media 9%), l’indice di smaltimento cause civili è pari a 52(media 38). Al terzo posto c’è Modena, che guadagna ben 10 posizioni rispetto all’anno scorso. La città di Belluno conferma il quarto posto davanti a Reggio Emilia(+9) e Aosta(+3). Bologna, vincitrice di questa “speciale” classifica nel 2011, è al settimo posto. La città emiliana perde 4 posizioni rispetto al 2013. Milano recupera 2 posizioni e ottava davanti a Siena(-4). Bolzano, vincitrice dell’edizione 2012 e seconda nel 2013, retrocede al decimo posto. Roma risale otto posizioni e occupa il dodicesimo gradino. Chiudono la graduatoria Foggia(-6), Reggio Calabria(-1) e Agrigento(-11).

Napoli, maglia nera nel 2010 e nel 2013, è al 96esimo posto. Luigi De Magistris ha dichiarato: “Non ho mai pensato che Napoli, anche nei momenti più difficili, fosse tra le ultime come non penso che oggi possa essere tra le prime”. Il sindaco di strada ha aggiunto: “Napoli è una città viva, che sta cambiando profondamente, invasa di turisti come non si era mai visto qui, prova ne è che ieri non si poteva camminare a piedi, tanto che dobbiamo porci il problema di come gestire un flusso immane di persone e questa è una buona notizia per la città e per il lavoro”. Non gli viene il dubbio che siano le altre città ad essere peggiorate e non Napoli ad essere migliorata? De Magistris menziona i pregi e i difetti del capoluogo campano. Tra i servizi pessimi sicuramente c’è anche il trasporto pubblico.

Allegato: La classifica completa della Qualità della vita 2014

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata