Ricerca personalizzata

Archivio

22 marzo 2017

Dijsselbloem accusa Paesi del Sud Europa

Jeroen DijsselbloemL’Unione Europea fa acqua da tutte le parti. In un’intervista alla “Frankfurt Allgemeine Zeitung”, Jeroen Dijsselbloem ha attaccato i Paesi del Sud Europa: “Non si possono spendere tutti i soldi in alcool e donne e poi chiedere aiuto”. Questo tizio non è una persona qualunque, ma il ministro delle Finanze olandese e presidente dell’Eurogruppo.

Dijsselbloem è un eurosocialista e sostenitore delle misure di austerità gradite alla Germania. La dichiarazione choc è arrivata nella settimana in cui si celebra il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, firmati il 25 marzo 1957. Il presidente dell’Eurogruppo ha spiegato: “Se si vuole mantenere l’impegno alla solidarietà, occorre anche parlare rispetto degli obblighi da parte di ciascuno”. Le dichiarazioni dell’olandese hanno scatenato un putiferio. Dijsselbloem è stato duramente contestato da alcuni deputati spagnoli durante una audizione davanti alla Commissione economica dell’Europarlamento. Gli eurodeputati del Movimento 5 Stelle hanno chiesto a Dijsselbloem di dimettersi immediatamente e al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan di prendere le distanze. Sulla vicenda è intervenuto anche Matteo Renzi. L’ex premier su Facebook ha scritto: “Il presidente dell’Eurogruppo, Dijsselbloem ha perso una ottima occasione per tacere. Si è lasciato andare a battute stupide contro i Paesi del Sud Europa a cominciare dall’Italia e dalla Spagna. Penso che gente come Dijsselbloem non meriti di occupare il ruolo che occupa. E prima si dimette meglio è, per lui ma anche per la credibilità delle istituzioni europee”.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata