Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

29 dicembre 2016

Dal primo gennaio 2017 aumenta spesa per luce e gas e scatta riforma delle tariffe elettriche

Donna ai fornelliL’Autorità per l’energia rende noto che dal primo gennaio 2017 le bollette dell’energia elettrica e del gas saranno più pesanti per “colpa” del rialzo del prezzo del petrolio. Il costo della luce aumenterà dello 0,9%, mentre il prezzo del gas salirà del 4,7%. Nel dettaglio, per l’elettricità la spesa per la famiglia tipo nell’anno scorrevole(compreso tra l’1 aprile 2016 e il 31 marzo 2017) sarà di 498 euro, con una variazione del -1,5% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente(1 aprile 2015 - 31 marzo 2016), corrispondente ad un risparmio di circa 8 euro. Per il gas la spesa della famiglia tipo nello stesso periodo sarà di circa 1.022 euro, comunque con una variazione del -6,5% rispetto all’anno scorrevole, corrispondente a un risparmio di 71 euro.

Le riforme elettriche del 2017

Per quanto riguarda l’energia elettrica, da gennaio 2017 viene attuato il secondo “gradino” della riforma delle tariffe elettriche per i clienti domestici, secondo il percorso già individuato lo scorso anno con la delibera 582/2015, con alcune modifiche migliorative in termini di contenimento dell’impatto sui clienti basso-consumanti, per attuare la massima gradualità possibile, in attuazione di quanto previsto dal legislatore con il decreto legislativo n.102/2014. In particolare, dal 2017, per la sola tariffa di rete viene eliminata ogni progressività e ogni sussidio tra clienti domestici, ripristinando l’equità di contribuzione e l’aderenza ai costi del servizio. Dopo oltre 40 anni, viene infatti soppressa la vecchia differenziazione tra “tariffa D2”(residenti fino a 3 kW) e “tariffa D3”(residenti con più di 3kW e non residenti), con la nascita della tariffa di rete TD, indistinta per i clienti domestici e variabile solo in ragione della potenza impegnata e del kWh prelevato dalla rete dal singolo cliente.

La differenziazione tra clienti residenti e non residenti(indipendentemente dal livello di potenza) viene mantenuta per le componenti tariffarie relative agli oneri generali di sistema, prevedendo l’applicazione di una quota fissa per i non residenti(in modo da limitare i possibili impatti sui clienti domestici residenti basso-consumanti), mantenendo 2 soli scaglioni di progressività(fino a 1.800 kWh/anno e oltre 1.800). Rimane poi un elemento di progressività per la componente DISPBT4 applicata ai clienti non residenti, strutturata sugli stessi due scaglioni degli oneri generali. Per poter selezionare il valore della potenza più adatta alle proprie esigenze, rendendo più efficienti i propri consumi, dal 2017 il cliente finale potrà scegliere tra un maggior numero di livelli(con “scatti” di 0,5 kW per le fasce più popolate dell’utenza domestica, rispetto alla “storica” granularità di 1,5 kW) e, a partire dal 1° aprile 2017, ci sarà una riduzione dei costi richiesti “una tantum” per effettuare il cambio di potenza. Per le famiglie in stato di bisogno, a basso reddito, rimane a disposizione il bonus sociale di sconto, potenziato dall’Autorità anche per il 2017, capace di 'ammortizzare' eventuali effetti negativi della nuova tariffa.

Tutela SIMILE

Sempre dal gennaio 2017, al via un’ulteriore riforma. Per la propria fornitura di energia elettrica, le famiglie e le piccole imprese ancora in maggior tutela potranno scegliere, in modo volontario, anche l’offerta di Tutela SIMILE, il nuovo meccanismo transitorio istituito dall’Autorità che permette di aderire, solo attraverso il sito web www.portaletutelasimile.it, ad un’offerta di mercato libero, ma con una struttura contrattuale omogenea indicata dal Regolatore, differenziata solo nel prezzo, pari a quello della maggior tutela scontato del bonus una tantum che i diversi operatori hanno proposto. Sono circa 30 le aziende ammesse alla Tutela SIMILE, che rispettano “ex ante” i requisiti previsti, con uno sconto medio annuo proposto per i clienti domestici intorno ai 50 euro(per una possibile riduzione di circa il 10% della spesa annua, al lordo delle tasse, della famiglia tipo).

Lo sconto medio per i non domestici invece è intorno a 80 euro. Con la Tutela SIMILE, cioè “simile” ad una fornitura del mercato libero, l’Autorità vuole garantire ai consumatori in Maggior Tutela l’opportunità di “sperimentare” una forma di offerta più vicina a quelle del mercato libero, definendo uno strumento-ponte per accompagnare verso forme tipiche del mercato libero, l’unica modalità di fornitura possibile quando termineranno i regimi di tutela di prezzo. Il cliente potrà aderire alla Tutela SIMILE fino al 30 giugno 2018 e la fornitura avrà una durata massima di 12 mesi. Alla scadenza del contratto il cliente potrà scegliere se rimanere con lo stesso fornitore sottoscrivendo una nuova offerta di mercato libero oppure potrà stipulare un contratto di mercato libero con un fornitore diverso. In caso di mancata conclusione di un nuovo contratto, il cliente finale resterà con il fornitore ammesso alla Tutela SIMILE e gli saranno applicate condizioni contrattuali ed economiche di mercato libero in base ad una struttura standard definita dall'Autorità.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata