Ricerca personalizzata

Archivio

22 luglio 2014

Apple aumenta i prezzi per l’equo compenso

Apple Italia aumenta i prezzi“Firmato decreto copia privata. Il diritto d’autore garantisce la libertà degli artisti e i costi vanno sui produttori, non sui consumatori”. Questo è quello che scriveva il ministro Dario Franceschini il 20 giugno 2014.

Oggi(22 luglio) arrivano i primi aumenti causati dall’equo compenso, imposta fortemente voluta dalla SIAE. La prima azienda ad alzare i prezzi è Apple Italia. Lo conferma l’ufficio stampa dell’azienda, precisando che i prezzi dei dispositivi sono stati adeguati alle nuove tariffe per il copyright previste dal decreto. L’iPhone 5S 16 GB passa da 729 a 732,78 euro, vale a dire 3,78 euro in più(+0,51%). Il modello da 32 GB ora costa 4,76 euro in più(per un totale di 843,76 euro), mentre quello da 64 GB costa 5,25 euro in più(954,25 euro). Aumenti anche per iPod, iPad e Mac. Per la cronaca, l’equo compenso serve a ripagare gli artisti per i brani scaricati illegalmente. Una domanda sorge spontanea: perché uno deve pagare questa tassa se non scarica?

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata