Ricerca personalizzata

Archivio

21 luglio 2014

Ci sarà la manovra correttiva?

Matteo RenziIn un’informativa alla Camera dei Deputati, il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha ammesso la necessità per il governo di mettere mano a una manovra correttiva dei conti pubblici per l’anno in corso. La notizia è stata smentita dal Matteo Renzi, ma molti sostengono che sia l’ennesima bufala del nostro premier. Come stanno le cose? Male.

Il bonus da 80 euro non ha prodotto nessun aumento dei consumi a giugno. Non ci sarà nessun beneficio nemmeno nei prossimi mesi, perché le persone preferiscono mettere i soldi da parte per spese impreviste. Il governo deve trovare i soldi per rendere strutturale il taglio IRPEF e per il fiscal compact. Ho già spiegato più volte che il fiscal compact rappresenta una spada di Damocle per l’Italia. A tutt’oggi non si sa ancora quanti euro devono essere tagliati per Gustavo Pigaridurre il debito del nostro Paese. Si era partiti da 50 miliardi di euro, poi uno studio ha tirato fuori la cifra di 27 miliardi di euro. Questo è il valore più reale, ma dipenderà molto dalla crescita di PIL e inflazione. Questa mattina(21 luglio), l’economista Gustavo Piga ad “Omnibus” ha dichiarato: “La manovra correttiva ci sarà. Se va in vigore il fiscal compact saremo il primo Paese al mondo che nel terzo anno di recessione paga 20 miliardi di euro per ridurre il debito. Altri 10 servono per rifinanziare il bonus degli 80 euro. Immagini che autunno avrà Renzi con una manovra correttiva da 30 miliardi di euro da portare a casa”. Piga non l’ha menzionato, ma entro il 21 settembre 2014 servono anche 50 miliardi di euro per pagare i debiti della PA. Cosa si inventerà quel fringuello di Renzi?

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata