Ricerca personalizzata

Archivio

12 maggio 2015

Polemica mammografia per coprire il diritto al reddito minimo garantito?

Una donna chiede il reddito minimo garantito50 mila persone hanno partecipato alla marcia Perugia-Assisi organizzata dal Movimento 5 Stelle per chiedere il reddito di cittadinanza. La proposta dei grillini riguarda quasi 9 milioni di cittadini e prevede un importo massimo di 780 euro mensili a persona(9.360 euro all’anno) per un costo complessivo di 17 miliardi di euro. Si può discutere sulla cifra(anch’io la considero troppo alta) ma non si può insabbiare un diritto sacrosanto per parlare esclusivamente della “finta” polemica sulle mammografie come hanno fatto alcuni media televisivi.

Ma andiamo con ordine. Durante la marcia, Beppe Grillo ha parlato con i giornalisti dei rapporti poco trasparenti tra le istituzioni di cura e le case farmaceutiche. Tra le altre cose, ha accusato il famoso oncologo Umberto Veronesi di suggerire alle donne di fare le mammografie con una frequenza di 2 anni perché sovvenzionato da un’azienda, la General Electric, che produce gli strumenti per fare le mammografie, un esame molto diffuso e importante per la prevenzione del tumore al seno. In pratica ha menzionato l’annosa questione italiana del conflitto d’interesse. Tra l’altro, in passato il comico genovese ha già attaccato Veronesi per la questione inceneritori. L’oncologo, infatti, disse “che la presenza di un inceneritore non incide in alcun modo sulla salute della popolazione che abita nelle vicinanze”. Se andiamo a vedere chi finanzia la fondazione di Veronesi, scopriamo che riceve soldi da Veolia, una multinazionale che costruisce e gestisce termovalorizzatori.

Ma torniamo alle mammografie. La dichiarazione di Grillo è stata distorta dai media e da alcuni politicanti. Una su tutte: Beatrice Lorenzin(vedi tweet). La ministra della Salute consiglia di fare le mammografie ma allo stesso tempo afferma che i tumori nella Terra dei Fuochi sono causati dagli stili di vita sbagliati. Roba da trattamento sanitario obbligatorio. Ormai è chiaro che la polemica sulle mammografie è servita per coprire la marcia per il reddito di cittadinanza. In Europa solo Grecia e Italia non hanno alcun sistema di sostegno al reddito minimo garantito, una cosa leggermente diversa dal reddito di cittadinanza. La cosa è grave, se consideriamo che l’Unione Europea raccomanda gli stati membri di offrire un sistema di protezione sociale adeguata ai cittadini dal 1992. E’ tutto scritto nel testo 92/441 CEE pubblicato anche sulla Gazzetta ufficiale. Il reddito di cittadinanza(o il reddito minimo garantito) è un diritto sacrosanto dei cittadini. Tra l’altro è necessario perché la piena occupazione non ci sarà mai, nemmeno se l’Italia cresce del 3% all’anno.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata