Ricerca personalizzata

Archivio

17 luglio 2016

Chiesta archiviazione Giletti per frasi su Napoli

Massimo Giletti“Il degrado e l’abbandono di alcune zone della città, tra le quali quella della stazione centrale, sono un dato di fatto”. E’ con questa motivazione che la Procura della Repubblica di Napoli ha chiesto l’archiviazione per il conduttore di Rai 1 Massimo Giletti, indagato per diffamazione, a seguito della querela presentata dal sindaco Luigi De Magistris dopo la puntata de “L’Arena” dell’1 novembre 2015.

Nella puntata in questione, il conduttore aveva definito Napoli una città indecorosa e abbandonata con spazzatura in tutti i vicoli nei pressi della stazione centrale. La cosa scatenò un putiferio sui social e non solo, con tanti prolet che inveirono contro Giletti(e la Rai) invece di pretendere dalla Giunta De Magistris la risoluzione del problema. Ma si sa, a Napoli ci sono tante persone che amano imitare gli struzzi: preferiscono mettere la testa nella sabbia per non guardare la realtà. Il sindaco De Magistris prese la palla balzo per acquisire un po’ di visibilità e consenso. Per questo motivo il 13 novembre 2015 l’Avvocatura del Comune di Napoli ha querelato per diffamazione Giletti e la trasmissione “L’Arena” chiedendo un risarcimento danni milionario da destinare al miglioramento dell’igiene urbana cittadina. Come è andata a finire? L’11 luglio 2016 il sostituto procuratore Anna Frasca ha chiesto l’archiviazione del caso. Tutto previsto, basta leggere cosa scrivevo il 3 novembre 2015. Ora il Comune di Napoli ha intenzione di presentare opposizione alla richiesta di archiviazione del pm. Una domanda sorge spontanea: quanto costa ai contribuenti la pagliacciata del sindaco De Magistris?

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata