Ricerca personalizzata

Archivio

Followers

11 ottobre 2014

Grillo: Prendo a calci Vittorio Zucconi

Beppe Grillo“Per l’alluvione di Firenze, migliaia di giovani andarono ad aiutare. Per l’alluvione di Genova, migliaia di giovani vanno al Circo Massimo”. E’ questo il tweet di Vittorio Zucconi che ha fatto andare su tutte le furie Beppe Grillo e i militanti del Movimento 5 Stelle. La battuta del direttore di Radio Capital è stata brutta e penosa, poteva risparmiarsela. C’è però chi ha fatto di peggio.

Dal palco del Circo Massimo Grillo ha risposto in modo poco garbato al re dei tweet idioti Zucconi. Il leader del M5S ha dichiarato: “In questo momento di gioia e di affetto, vi devo parlare della mia città con un po’ di commozione. Un signore che si chiama Zucconi ci ha sempre attaccato, ma una frase così(il tweet) non gliela lasciamo passare. A costo di prendere un aereo, andare a New York dove vive, lo prendo a calci nel culo a nome di tutti. Zucconi è una persona volgare e vergognosa”. Bastava dire l’ultima frase, invece Grillo ora fa diventare un martire Zucconi. Il direttore di Radio Capital ha risposto con un tweet strappalacrime.

Il comico genovese deve capire che la battaglia ai giornalisti vassalli non interessa più a nessuno, tanto quelli prima o poi spariranno. Grillo ha parlato anche della mancata partenza dei lavori dopo l’alluvione a Genova del 2011: “Hanno detto che la colpa è del TAR. Faccio un appello: voglio che l’esercito arrivi al casello di Genova prima di Renzi. Questi sono cialtroni, non abbiamo più tempo, vanno fermati con l’esercito italiano. L’esercito deve stare con gli italiani”. Il leader del M5S ha lanciato nuovamente il referendum sull’euro: “Raccoglieremo 1 milioni di firme. Il Paese è a rischio default, se avete soldi in banca levateli”.

Nessun commento:
Write commenti

I commenti non inerenti al post, pieni di spam o diffamatori verranno cancellati senza ulteriori avvisi.

Iscriviti alla Newsletter

Ricerca personalizzata